Vai al contenuto pricipale
Oggetto:
Oggetto:

Vigilanza nella prevenzione

Oggetto:

Surveillance and control in prevention

Oggetto:

Anno accademico 2019/2020

Codice attività didattica
MED 3523
Docenti
Prof. Tiziana Civera (Docente Responsabile del Corso Integrato)
Prof. Francesca Tiziana Cannizzo (Docente Titolare dell'insegnamento)
Dott. Luigi Lattuchella (Docente Titolare dell'insegnamento)
Dott. Susanna Barboni (Docente Titolare dell'insegnamento)
Dott. Bartolomeo Avataneo (Docente Titolare dell'insegnamento)
Dott. Salvatore Crimi (Docente Titolare dell'insegnamento)
Dott. Paolo Edoardo Smania (Docente Titolare dell'insegnamento)
Pierpaolo Rivello (Docente Titolare dell'insegnamento)
Dott. Luigi Fruscio (Docente Titolare dell'insegnamento)
Corso di studio
[f070-c724] TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO)
Anno
3° anno
Tipologia
Di base
Crediti/Valenza
10
SSD attività didattica
IUS/07 - diritto del lavoro
IUS/09 - istituzioni di diritto pubblico
MED/50 - scienze tecniche mediche applicate
VET/03 - patologia generale e anatomia patologica veterinaria
Erogazione
Tradizionale
Lingua
Italiano
Frequenza
Obbligatoria
Tipologia esame
Scritto ed orale
Prerequisiti
Nessuno
Oggetto:

Sommario del corso

Oggetto:

Obiettivi formativi

L’obiettivo dell’insegnamento è di integrare le conoscenze sui principali fattori di rischio per l'igiene e per la sicurezza, con strumenti normativi e procedurali che consentano di individuare le modalità idonee per la gestione del rischio in relazione allo specifico contesto. In modo particolare si identificheranno gli elementi costitutivi del sistema di prevenzione e dell’organizzazione sanitaria in Italia, stimolando lo studente, anche attraverso le attività di tirocinio, a individuare e utilizzare in modo appropriato tali strumenti, in modo particolare nel contesto delle attività di vigilanza nel campo della produzione e commercializzazione degli alimenti, nelle attività svolte per la prevenzione in campo ambientale e per la tutela della sicurezza degli ambienti di lavoro.

The goal of teaching is to integrate knowledge of major risk factors for hygiene and safety, regulatory and procedural instruments to identify the appropriate procedures for managing risk in relation to the specific context. Specifically identify the constituent elements of the system of prevention and Health Organization in Italy, prompting the student, including through training activities, to identify and appropriately use those instruments, particularly in the context of supervisory activities in the production and marketing of foods, in activities for prevention in the field of the environment and for the safety of the working environment.

 

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

Risultati di apprendimento attesi:

  • conoscenza e capacità  di comprensione.
              Alla fine di questo insegnamento lo studente dovrà:
  • conoscere gli elementi normativi costitutivi del sistema di prevenzione e dell’organizzazione sanitaria in Italia
  • conoscere le fonti del diritto
  • conoscere i principi di diritto penale
  • individuare le caratteristiche della norma processuale
  • conoscere i  principali contenuti della legislazione riguardante la salute e la sicurezza sul lavoro con particolare riferimento alle applicazioni il tecniche mirate al miglioramento delle condizioni di lavoro.
  • conoscere le principali norme riguardanti la prevenzione in campo ambientale
  • conoscere i requisiti igienico sanitari delle aziende alimentari
  • conoscere l’organizzazione e le metodologie del controllo ufficiale
  • associare i sistemi di produzione con i requisiti igienico – sanitari richiesti
  • associare  le lesioni anatomopatologiche alle principali zoonosi correlate al settore agroalimentare
  • Identificare le lesioni anatomopatologiche correlate al trattamento fraudolento con promotori della crescita
  • utilizzare un lessico appropriato
  • capacità di applicare conoscenza e comprensione
             Alla fine di questo insegnamento lo studente dovrà saper
  • Identificare gli elementi costitutivi del sistema di prevenzione e dell’organizzazione sanitaria in Italia
  • Definire i principali criteri per l’analisi dei bisogni e  la scelta delle priorità nelle attività di prevenzione
  • Definire e utilizzare in modo appropriato gli strumenti normativi e procedurali per l’attività di vigilanza
  • applicare le principali norme sanitarie agendo nei diversi contesti;
  • saper effettuare un controllo igienico-sanitario sugli alimenti  in fase di vigilanza
  • saper interpretare i dati raccolti  a seconda del contesto ed individuare le azioni da adottarsi, tenuto conto anche del contesto legislativo
  • autonomia di giudizio

              Al termine dell’insegnamento lo studente dovrà

  • formulare un problema analitico e  proporre idee e soluzioni;
  • elaborare giudizi che includano riflessioni su questioni scientifiche ed etiche          
  • Abilità comunicative (communication skills)
  • saper comunicare con altre figure professionali che operano nel campo della prevenzione utilizzando anche un'altra lingua dell'UE, soprattutto l'inglese;
  • saper organizzare relazioni e comunicazioni secondo standard e formati consueti nel mondo tecnico
  • capacità di apprendimento
  • saper reperire e vagliare fonti di informazione e bibliografiche
  • dimostrare capacità di lavorare per obiettivi, in gruppo ed in modo autonomo
  • knowledge and understanding

             At the end of this teaching the student will have to:

  •  Know the constituent elements of the system of prevention and sanitation in Italy
  •  Know the sources of law
  •  know the Italian penal law and penal precept
  •  Identify the characteristics of the procedural norm
  •  Understand the core contents of health and safety legislation, with particular reference to applications, techniques aimed at improving working conditions.
  •  Know the main environmental protection standards
  •  Know the hygiene requirements of food companies
  • Know the organization and methodologies of official control
  • associate the production systems with the required hygiene requirements
  • associate anatomopathological lesions with the main zoonoses related to the agro-food sector
  •  Identify anatomopathological lesions related to fraudulent treatment with growth promoters
  •  Use an appropriate vocabulary
  • making judgements

             At the end the student will need to know

  • Identifying the constituents of the prevention system and healthcare organization in Italy
  • Defining the main criteria for analyzing needs and prioritizing prevention activities
  • Defining and use appropriate regulatory and procedural tools for supervisory activity
  • applying the main health standards by acting in different contexts;
  • knowing how to carry out hygienic and health checks on foods under supervision
  • knowing how to interpret the data collected according to the context and identify the actions to be taken, also taking into account the legislative context
  • autonomy of judgment
             At the end of the course the student will have to
  • formulate an analytical problem and propose ideas and solutions;
  • elaborate judgments that include reflections on scientific and ethical issues
  • communication skills

             At the end of the course the student will have to

  • Know how to communicate with other professionals working in the field of prevention using another EU language, especially English;
  • to be able to arrange relationships and communications according to standard and standard formats in the technical world
  •  learning skills

              At the end of the course the student will have to

  • know how to find and evaluate sources of information and bibliography
  • demonstrate ability to work for goals, group and autonomously
Oggetto:

Programma

Elementi costitutivi dell’attività di ispezione e vigilanza (metodologia, fonti del diritto, normative specifiche e attribuzioni utili per i compiti ispettivi e di vigilanza)

Diritto del lavoro

La posizione di garanzia

La nozione di datore di lavoro

La delega ed i limiti di responsabilità penale in ambito societario

Istituzioni di diritto pubblico

La forma di stato

I principi costituzionali sull’organizzazione dello stato

I poteri dello stato

Il procedimento di formazione delle leggi ordinarie e costituzionali

Il referendum

La magistratura

Diritto penale

Definizioni e struttura del Diritto penale e della norma penale. Il principio di stretta legalità.

Le fonti del diritto: leggi in senso formale e materiale .

L’interpretazione della legge penale e il divieto di analogia

L’efficacia della legge penale nel tempo, nello spazio e nei confronti delle persone. L’immunità.

Il concorso apparente di norme. La nozione e struttura del reato.

Elemento oggettivo e soggettivo del reato.

Diritto processuale

Le caratteristiche della norma processuale: sanzioni, nullità, inutilizzabilità

Il sistema giudiziario italiano: l’organizzazione della giustizia penale, i giudici di I, II grado e Cassazione, giudici monocratici, collegiali, ordinari e onorari.

I soggetti del processo penale

Ufficiali e agenti di polizia giudiziaria

La competenza per materia e territorio

Attività di polizia giudiziaria di iniziativa e su delega. Rapporti tra attività su delega e di iniziativa.

Le spontanee dichiarazioni.

Le norme e la prevenzione negli ambienti di lavoro

I Principi comuni e disposizioni generali della legislazione riguardante la salute e la sicurezza sul lavoro

Requisiti dei luoghi di lavoro 

Uso delle attrezzature di lavoro e dei DPI

Misure per la sicurezza nei cantieri temporanei o mobili

Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro

Movimentazione manuale dei carichi

Attrezzature munite di videoterminali

Agenti fisici(rumore, vibrazioni, microclima, ecc.)

Sostanze pericolose e protezione da agenti chimici

Esposizione ad agenti biologici

Protezione da atmosfere esplosive

Le Direttive europee sulla salute e la sicurezza sul lavoro e la loro introduzione nella legislazione italiana.

Le norme e la prevenzione in campo ambientale

Definizione di “ambiente” in ambito internazionale, comunitario e nazionale. Cenni storici sull’evoluzione normativa ambientale in Italia dal dopoguerra fino al D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. Descrizione delle attività e dei parametri di monitoraggio dei corpi idrici  e delle acque superficiali da potabilizzare. Legislazione nazionale sulle acque reflue urbane e industriali.  Esposizione della Legge 68/2015 sugli “ecoreati” ambientali.

Le norme e la prevenzione nel campo degli alimenti

La gestione delle procedure per il controllo degli alimenti preparati e somministrati dall’OSA come previsto dalle linee di indirizzo per il controllo ufficiale nella microimpresa emanate dalla Regione Piemonte.

I controlli ufficiali intesi a verificare la conformità alla normativa in materia di sicurezza alimentare

La legislazione nazionale ed europea relativa alla classificazione dei prodotti e delle preparazioni alimentari

Lavori a gruppi su casi di non conformità alle disposizioni tecniche emanate dal Ministero delle Salute per le acque distribuite al consumo umano

Le disposizioni procedurali per l’applicazione del Piano d’Azione Nazionale (PAN) per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

Riscontri anatomo-patologici in riferimento a zoonosi e trattamenti fraudolenti

Introduzione al concetto di zoonosi ed antropozoonosi per eziologie virali e batteriche collegate alla filiera agro-alimentare: allevamento, macello, industria di trasformazione.

Principali lesioni anatomopatologiche riferibili a Tubercolosi, Salmonellosi, Listeriosi, BSE, Brucellosi, Leptospirosi

Trattamenti fraudolenti di animali da reddito con valutazione delle più importanti lesioni riscontrabili negli organi bersaglio

Evoluzione della normativa e scientifica della vigilanza sugli alimenti

Organizzazione del controllo ufficiale degli alimenti: riferimenti comunitari e nazionali

Personale incaricato del controllo degli alimenti di origine animale, leggi e nozioni scientifiche di supporto.

Etichettatura, rintracciabilità, gestione del rischio tramite ritiro-richiamo, allerta. Controlli per la filiera prodotti della pesca. Responsabilità del produttore

Elements of inspection and surveillance activities (methodology, sources of law, specific rules and attributes useful for inspection and surveillance tasks)

Labor law

The warranty position

The notion of employer

Delegation and limits on corporate liability

Public Law

The state form

Constitutional principles on the organization of the state

State powers

The process of formation of ordinary and constitutional laws

The referendum

The judiciary Criminal law

Definitions and structure of criminal law and criminal law. The principle of strict legality.

The sources of law: read in the formal and material sense.

The interpretation of the criminal law and the prohibition of analogy

The effectiveness of criminal law in time, space and people. The immunity.

The apparent competition of standards. The notion and structure of the offense.

Objective and subjective element of the offense.

Procedural law

The features of the procedural rule: sanctions, nullity, uselessness

The Italian judicial system: the organization of criminal justice, the judges of I, II and the Supreme Court, monocratic, collegial, ordinary and honorary judges.

The subjects of the criminal process

Officials and judicial police agents

The competence for matter and territory

Judicial police activities by initiative and by delegation. Relationships between delegation and initiative activities.

Spontaneous statements.

 

Standards and prevention in work environments

The Common Principles and General Provisions of Health and Safety at Work

Workplace Requirements

Use of work equipment and DPIs

Safety measures in temporary or mobile construction sites

Signs of health and safety at work

Handling of loads manually

Equipped with video terminals

Physical agents (noise, vibration, microclimate, etc.)

Dangerous substances and protection against chemical agents

Exposure to biological agents

Protection from explosive atmospheres

The European Directives on health and safety at work and their introduction into Italian legislation.

 

Standards and environmental prevention

Definition of "environment" in international, community and national context. Historical information on the evolution of environmental legislation in Italy from the post-war period to Legislative Decree 152/2006 and s. Description of activities and monitoring parameters of water bodies and surface water to be potable. National legislation on urban and industrial waste water. Exposure of Law 68/2015 on environmental "ecoreates".

Standards and Food Prevention

The management of procedures for the control of foods prepared and delivered by the OSA as provided by the guidelines for the official control in the micro-enterprise issued by the Piedmont Region.

Official controls to verify compliance with food safety regulations

National and European legislation on the classification of foodstuffs and food preparations

Group work on cases of non-compliance with technical regulations issued by the Ministry of Health for water distributed to human consumption

Procedural provisions for the implementation of the National Action Plan for the sustainable use of plant protection products

Anatomy-pathological findings in relation to zoonoses and fraudulent treatments

Introduction to the concept of zoonoses and anthropozoonosis with reference to viral and bacterial etiologies linked to the agri-food chain: breeding, slaughterhouse, processing industry. The major anatomopathological lesions referable to Tuberculosis, Salmonellosis, Listeriosis, BSE, Brucellosis, Leptospirosis Fraudulent treatments in income animals with assessment of major injuries found in target organs

Evolution of legislation and scientific supervision of food

Organization of official control of food: Community and national references The staff responsible for controlling the food of animal origin, the laws and scientific supports. Labeling, traceability, risk management by recall and recall Controls related to the fisheries production chain. The responsibility of the manufacturer.

 

Oggetto:

Modalità di insegnamento

L’insegnamento si articola in 100 ore di lezione frontale e 20 ore di esercitazioni.

Tradizionale didattica frontale, supportata da immagini, accompagnata da didattica interattiva e attività in campo

Analisi di casi in plenaria per l’elaborazione di griglie cognitive

La frequenza è obbligatoria al 70% sia per le lezioni frontali che per le esercitazioni e calcolata sul totale delle ore.

Teaching is divided into 100 hours of front lesson and 20 hours of exercises.

Traditional didactic front-end, supported by images, accompanied by interactive teaching and field activities

Plenary Case Analysis for Cognitive Grid Processing

The frequency is compulsory at 70% for both frontal and exercise lessons and calculated on the total hours.

Oggetto:

Modalità di verifica dell'apprendimento

Valutazione della capacità cognitiva di riconoscere gli elementi costitutivi del sistema di prevenzione,  dei criteri di scelta di priorità e degli strumenti di vigilanza all’interno di un testo con prove strutturate, domande a trattazione aperta, problem –solving ed elaborazione di rapporti tecnici.

L’esame si intende superato ottenendo la sufficienza per ogni singolo modulo. La valutazione, espressa in trentesimi, è ottenuta dalla media ponderata delle valutazioni di ogni singolo modulo e corretta con +/- 2 punti in base alla valutazione ottenuta per il lavoro di gruppo.

Cognitive ability assessment recognizes the constituent elements of the prevention system, priority selection criteria, and supervisory tools within a text with structured trials, open discussion, problem solving, and technical reporting.

The result of the examination is positive if every single module got passing score. The assessment, expressed in thirtieths, is obtained from the weighted average of the ratings of each module and correct with +/-2 points based on the evaluation obtained for teamwork

Oggetto:

Attività di supporto

Le attività di supporto sono finalizzate a:

  • misurare e analizzare gli eventi infortunistici utilizzando il metodo “Sbagliando s’impara”,
  • utilizzare il metodo scientifico della prevenzione basata sulle evidenze e a
  • approfondire tematiche e procedure relative alla valutazione impatto ambientale

The support activities are aimed at:

• measure and analyze the events of injury using the "Wrong one learns",

 • use scientific method of evidence-based prevention and

• examine issues and procedures related to environmental impact assessment

Oggetto:

Testi consigliati e bibliografia

Appunti delle lezioni.

E.D. Basso – A. Viglione - Codice della sicurezza sul lavoro – 2007

G. Colavita, M. Meazza, S. Rea, M. Nasali - Frodi alimentari, tecniche ispettive, aspetti tecnici e giuridici. Point Vètèrinaire Italie, 2012

B. Cenci Goga, A.G. Fermani -Sanità pubblica veterinaria e igiene degli alimenti- Point Vètèrinaire Italie 2014

Oggetto:
Ultimo aggiornamento: 08/10/2019 11:14
Location: https://tpall.campusnet.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!